SGM, il mercato di Genova, a Bolzaneto, protagonista della nuova puntata di Economix, la tavola rotonda della Liguria, condotta da Alessandra Rossi.

In studio, Pasquale Nino Testini, vicepresidente di SGM, Andrea Peso, operatore grossista ortofrutta e Carlo Bellantone, operatore grossista florovivaista. SGM si inserisce come eccellenza in quella che può essere considerata, per via dei suoi prodotti, la “green valley” di Genova.

Il fatto che il mercato abbia puntato da quest’anno anche sul florovivaismo ne è una dimostrazione: «È stata una scommessa vincente – spiega Testini – L’amministrazione ha costruito una struttura nuova che noi gestiamo. Il settore ha una valenza straordinaria: il covid prima ed i conflitti con il loro impatto sull’energia, hanno duramente colpito il settore. SGM ha fatto un’operazione di ringiovanimento e rinvigorimento del settore. Qui hanno una struttura ecologica, ben organizzata che richiama clienti che non venivano più: abbiamo dato una scossa al settore».

E mai come in questo periodo dell’anno il mercato è vivissimo. «Nel periodo natalizio continua ad avere molto successo ogni tipologia di frutta secca – ricorda Peso – La nostra struttura, rispetto a una dozzina di anni fa, è diventata un fiore all’occhiello per la nostra città. Chi viene da fuori, entra nella corsia del mercato, di fronte ai nostri stand moderni e rimangono colpiti dal colpo d’occhio».

Il settore florovivaistico per altro è molto particolare: «Premettendo che il nostro lavoro si concentra sulla qualità del prodotto, le mode cambiano di anno in anno e c’è molto marketing dietro – sottolinea Bellantone – Sta rialzando la testa anche il garofano, che ha tantissime qualità diverse. Dopo il boom degli anni 70, si è dimenticato, ma ora sta risalendo nella classifica dei fiori che piacciono».

Ma, evidenzia, esistono criticità: «Nel settore manca il 40% del personale. Facciamo una fatica tremenda a trovare il personale, a impegnarsi in lavori ‘umili’, che magari richiedono sacrifici in termini di orari, nonostante una buona busta paga che include, ad esempio, lo straordinario notturno».

La realtà di SGM pone l’accento però su alcuni aspetti particolari del mercato che spesso passano in secondo piano: «Nei mercati ci sono due cose che non vengono prese in considerazione da molti – ricorda Testini – Sono l’unico posto dove il prezzo dei beni non è predeterminato: si può scendere o salire. L’altro aspetto è che sono uno dei centri di integrazione migliori: ci sono persone di origini ed etnie diverse che fanno commercio insieme. All’ingresso del mercato, ricordo, c’è scritto “Ianuensis ergo mercator”, che vuol dire “genovesi, quindi mercanti”». Per sostenere il comparto florovivaistico, sottolinea, “a novembre abbiamo invitato uno dei più grandi compositori al mondo per dare una sorta di aggiornamento agli operatori, invitando anche quelli delle regioni vicine. Per  gli operatori dell’ortofrutta, partecipiamo alle fiere in tutto il mondo, compresa quella principale di Berlino». Certo, il settore è anche legato al clima: «Frutta e fiori sono legati alla natura – evidenzia Testini – quindi ci auguriamo per il 2024 una stagione climatica stabile, anche per questi prodotti». 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *